lunedì 3 ottobre 2011

Negroamaro Graticciaia: il principe del Salento

Un altro grande vino, degno e nobile rappresentante dell'enologia meridionale.
Un Negroamaro in purezza, presente sul mercato come Salento Rosso IGT.
Un vitigno complesso e ricercato, costituisce l'anima di un grande vino della Puglia prodotto dalla storica cantina Agricola Vallone, utilizzando un' antica tecnica di appassimento delle uve sui graticci, uno dei rari casi in Italia per vini secchi (Amarone e Sfursat altri casi noti).

Il colore è perfetto, rosso rubino intenso con riflessi granati, molto scuro, quasi impenetrabile.
Al naso dimostra subito di essere un vino da competizione, misterioso e profondo, molto ampio, con sentori che vanno dai frutti di bosco alla prugna matura, per continuare con note di marasca e china, ricordi di inchiostro e piacevole sottofondo balsamico, con sensazioni di frutta secca e note di leggera tostatura.

In bocca è sontuoso, intenso ma di notevole armonia, caratterizzato da struttura importante che pesa in bocca avvolgendola di sensazioni dolci e di grande ricchezza gustativa.
Tannino di grande stoffa ma levigato al punto giusto, retrogusto di mandorle e liquirizia che appaga la bocca, lasciandola pulita e fresca nonostante il cospicuo tenore alcolico. Persistenza aromatica eccellente e mai doma.

Un grande vino con un grande prezzo, sopra i 60€ per l'annata 2005. Ideale come regalo da farsi fare o da fare.

Si può abbinare ad arrosti, (nel mio caso spinacino ripieno) o brasati, formaggi a pasta dura, selvaggina, agnello alla griglia ma anche ad una lasagna di buona struttura.

Fino al 2007, prodotto da uno dei più grandi enologi italiani: Severino Garofano

A te logo

3 commenti:

nella ha detto...

Ciao Massimo caro, di sorpresa pensavo tu parlassi del complesso musicale, ma mi sono venute davanti immagini da enoteca che apprezzo molto , ma ne capisco poco. Un buon motivo per imparare. Magico fine settimana!

Massimo ha detto...

Ciao Nella,

è sempre un piacere trovarti.
Curiosa pure nella sezione Vini..troverai diverse chicche tutte degustate in prima persona...il Negroamaro presentato qui è un pò caro, ma ci sono anche altri vini recensiti che hanno del rapporto qualità-prezzo uno dei punti di forza...

Anonimo ha detto...

L'ho regalato annata 2005 costo 48 euro, fratellastro del Patriglione dovrebbe essere un buon vino, bisognerebbe aprirlo fra due, tre anni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...